Sesto chakra

bbf55f72b504ce72a03b4197c2009952

Descrizione lezione

Sei arrivato ad un punto di “non ritorno”. Il sesto chakra ti permette di radicarti nei “piani alti” e da questo punto di vista puoi guardare lo svolgersi della vita, di noi stessi, degli altri, del nostro lavoro. Hai lavorato nei Chakra più bassi, e da questo punto puoi elevarti, alzare le braccia e prepararti all’ascolto dell’ultimo Chakra.

Ᾱjñā: letteralmente “ordine, comando”, è legato alla ghiandola pineale, la quale comanda tutto il sistema endocrino. È governato dalla volontà (Icchā), dalla sillaba Auṁ-Oṁ, è sede della vibrazione creativa e a lui compete lo sblocco del nodo della conoscenza (Rudra Granthi); 221,23 Hertz è la frequenza bioenergetica di riferimento, comanda tutte le ghiandole. Il sesto brano è visto come il “momento del grande salto”, della grande comprensione. Qui Nicola suona due tracce di sitar nella tipica modalità indiana, ossia due melodie che la mente cosciente non può ricordare come dei comuni gingles ma che altresì, entrando in profondità, bloccano i pensieri discorsivi. Pur avendo usato i Bīja Mantra in tutti i brani, in questo essi si sentono maggiormente, in quanto collimano nella sillaba matrice (Oṁ), e ciò per completare l’opera di comando del Terzo Occhio. Il brano va ascoltato seduti a terra a gambe incrociate rivolti verso Nord.

Questa lezione fa parte del corso La Musica dei Chakra.

L'insegnante

Nicola Artico, musicista professionista, studia da circa 30 anni gli effetti sonori, degli strumenti, delle note, delle frequenze, degli accordi e dei Rāga indiani, sugli organi e sulla mente dell’essere umano (massaggio sonoro). Nicola Artico inizia a interessarsi fin da giovane al mondo orientale e, sotto la guida di un maestro spirituale, per venticinque anni pratica la meditazione e studia l’effetto curativo dei suoni sul corpo umano secondo le antiche scritture indiane. Da queste ricerche nasce il suo Massaggio Sonoro, un metodo innovativo da lui creato in cui, attraverso i suoni e le vibrazioni degli strumenti, Nicola aiuta le persone a trovare un proprio percorso personale per vivere in piena consapevolezza il momento presente. Suona diversi strumenti, tra cui il flauto traverso di bambù, numerose percussioni indiane e la chitarra, accompagnando spesso i pezzi con la sua voce. Ha partecipato all’incisione di dieci cd come percussionista e composto e registrato tre cd di musica curativa come solista.