I Chakra seconda parte

Guardando il vostro corpo allo specchio, non c’è modo di accorgervi di tutte le cose incredibili che stanno avvenendo dentro di voi. Il corpo umano è incredibilmente complesso, si tratta di un sistema non solo di carne e sangue, ma di sistemi energetici complessi e vasti. I chakra sono vortici di energia alimentati da prana o forza vitale. Ripulendo e risvegliando i nostri chakra, permettiamo all’energia Kundalini di risvegliarsi e sollevarsi attraverso il canale sottile che si trova all’interno della colonna vertebrale,  che risveglia la nostra mente e purifica il nostro corpo.

Possiamo usare gli Asana, o posture, come lavoro per cancellare i blocchi energetici. Queste posizioni del corpo attivano e dirigono l’energia per aprire sia fisicamente che energeticamente il nostro corpo.

Come abbiamo visto nell’articolo precedente, ci sono sette chakra principali nel nostro corpo. Vediamo insieme alcuni asana che possono favorire lo sviluppo di questi chakra:

IL CHAKRA DELLA RADICE
Il primo chakra può portare la calma, la pazienza e la volontà di quiete e stabilità. Ci radichiamo a terra e solidifichiamo il nostro corpo. Quando abbiamo un blocco qui , possiamo sentirci tesi e pronti a fuggire in qualsiasi momento. Usiamo Uttanasana:

1. dalla posizione di Tadasana, le mani sui fianchi. Espira e piegati in avanti dalle articolazioni dell’anca, non dalla vita. Come si scende aprire bene la parte anteriore del busto fuori gli inguini e crea lo spazio tra il pube e la parte superiore dello sterno. Come in tutti i piegamenti in avanti, l’enfasi è sull’allungamento della parte anteriore del busto come ci si sposta più a fondo nella posizione.

2. Se possibile, con le ginocchia dritte, porta i palmi delle mani o le punte delle dita sul pavimento leggermente di fronte o accanto ai piedi, o porta i palmi delle mani sulla parte posteriore delle caviglie. Se questo non è possibile, incrocia gli avambracci e tieni i gomiti. Premi i talloni saldamente a terra e solleva i glutei verso il soffitto. Gira le cosce leggermente verso l’interno.

3. Con ogni inspirazione nella postura, sollevarti e allunga la parte anteriore del busto leggermente, con ogni espirazione rilascia un po ‘più a fondo e curvarti in avanti. In questo modo il busto oscilla quasi impercettibilmente con il respiro. Lascia che la testa rimanga morbida dalla radice del collo, come se fosse attaccata alla parte più profonda della parte superiore della schiena, tra le scapole.

4. Uttanasana può essere usato come una posizione di riposo tra le posizioni in piedi, rimanendo in questa posizione dai 30 secondi a 1 minuto. Può anche essere praticata come posizione a sé stante.

5. Non ruotare la colonna vertebrale per risalire. Invece portare le mani di nuovo sui fianchi e allungare la parte anteriore del busto. Quindi premere il coccige verso il basso e verso il bacino e salire con una inalazione.

IL SCONDO CHAKRA
In sanscrito, il secondo chakra è chiamato Svadisthana, che si traduce come “il proprio posto o base,” che indica quanto sia importante questo chakra per la nostra vita. Associato con i fianchi, e l’osso sacro, la parte bassa della schiena, i genitali, l’utero, la vescica e i reni, questo chakra è molto importante per la sensualità, la sessualità, le emozioni, l’intimità e il desiderio. Tutti i liquidi del nostro corpo hanno a che fare con questo chakra: la circolazione, la minzione, le mestruazioni, l’orgasmo, le lacrime. L’acqua scorre, si muove e cambia, e un sano secondo chakra ci permette di fare altrettanto.

E ‘il momento di aprire i fianchi e l’inguine, consentendo libertà di movimento nelle pelvi.

Prova Upavistha Konasana, è una posizione di apertura che concede l’apertura energetica di cui si ha bisogno per lavorare su questo chakra:

1. Inizia da Dandasana, poi appoggia il busto leggermente indietro sulle mani e solleva e apri le gambe in un angolo di circa 90 gradi (le gambe devono formare un angolo a destra approssimativamente, con il pube al vertice). Premi le mani contro il pavimento e fai scorrere i glutei in avanti, allargando le gambe per altri 10 a 20 gradi. Come con Dandasana, se non puoi sedere comodamente sul pavimento, siediti su una coperta ripiegata.

2. Ruota le cosce verso l’esterno, punta l’esterno delle cosce contro il pavimento, in modo che le rotule puntino verso l’alto verso il soffitto. Allunga la pianta dei piedi verso l’esterno, premendo anche i talloni a terra.

3. Con le ossa della coscia premute sul pavimento e le rotule rivolte verso l’alto, porta le mani in avanti tra le gambe. Tienin le braccia lunghe. Simile ad un piegamento in avanti, l’enfasi è in sul movimento delle articolazioni dell’anca e del mantenimento della lunghezza della parte anteriore del busto.

4. Aumenta il piegamento in avanti su ogni espirazione fino a sentire ad un certo punto la posizione diventare confortevole nella parte posteriore delle gambe. Rimani in questa posizione 1 minuto o più a lungo. Poi risali con una inalazione, allungando la parte anteriore del busto.

Prova questi asana per i primi due chakra, nel prossimo post continueremo a salire nel nostro corpo vedendo asana per gli altri chakra principali.

Buona pratica

Namastè

gli otto passi dello yogachi è un Guru